"Non si sa di nessuno che sia riuscito a sedurre con ciò che aveva offerto da mangiare, ma esiste un lungo elenco di coloro che hanno sedotto spiegando quello che si stava per mangiare" (cit. di Manuel Vàzquez Montalbàn - scrittore e gastronomo spagnolo)

Polenta con la fontina valdostana

Polenta con la fontina valdostana

 

MMMMMMMMMMMM… che voglia di una polenta calda e fumante mentre fuori fra freddo, magari piove, o addirittura comincia a nevicare!!! In Val d’Aosta, dopo qualche ora di cammino per raggiungere i rifugi, quando l’alito si condensava dal freddo e cominciavi a sentire le mani e i piedi intirizziti, entrare in una trattoria e chiedere un bel piatto di polenta alla valdostana era un ristoro per il cuore e per la mente, oltre che per il corpo.

In casa non c’è questa atmosfera, ma proviamo a ricrearla in minima parte facendoci una polenta con la fontina, e se da un ottimo formaggiaio riusciamo a trovarne una bella “odorosa” come quella valdostana la magia è compiuta!!! Vietati in questa caso i succedanei di qualunque tipo!!!!

INGREDIENTI:
polenta
fontina VERA VALDOSTANA circa 500 g.
(a seconda della quantità di polenta)
burro
parmigiano

PREPARAZIONE:

Cominciamo a fare la polenta come è descritto qui, non facciamola troppo dura se no avremo delle difficoltà a stenderla. Quando è pronta prendiamo una bella teglia e facciamo un primo strato di polenta, mettiamoci dei generosi fiocchetti di burro, la fontina tagliata a listarelle non troppo grosse perchè deve sciogliersi e diventare una crema profumata che riempia il palato di gusto e calore.

Copriamo con un altro strato di polenta, burro e una manciata di parmigiano moooooolto generosa. E via in forno a gratinare.

Non farete a tempo a porzionarla che finirà con la velocità della luce. E per gli amanti della fontina sarà un piacere venire circondati dal profumo di uno dei più nobili formaggi italiani.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Le fritole triestine/istriane

Le fritole triestine/istriane

  Marshall (Jason Segel):“Lily faceva sempre le frittelle. Dio come amavo le sue frittelle. Erano così morbide, così calde e poi… e poi con quella forma perfetta…” Ted (Josh Radnor):“Stai ancora parlando delle sue frittelle?” dalla serie TV How I met your mother, stag. 2 […]

Print Friendly, PDF & Email
Spaghetti al beurre blanc di prosecco con tartare di gamberi rossi di Mazara, pepe rosa, granella di pistacchi

Spaghetti al beurre blanc di prosecco con tartare di gamberi rossi di Mazara, pepe rosa, granella di pistacchi

  “Oh gran bontà de’ cavallieri antiqui!” da l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, Canto I, Strofa 22, vv. 1-6   Correlati

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *