"Non si sa di nessuno che sia riuscito a sedurre con ciò che aveva offerto da mangiare, ma esiste un lungo elenco di coloro che hanno sedotto spiegando quello che si stava per mangiare" (cit. di Manuel Vàzquez Montalbàn - scrittore e gastronomo spagnolo)

Astice all’armoricaine

Astice all’armoricaine
“Sans pain, sans vin l’amour n’est rien” (proverbio francese) L’amore non è niente senza pane e senza vino

Homard à l’armoricaine cioè astice all’armoricana. Un grande classico della cucina francese anni ’80. In genere non amo la cucina di quegli anni perchè troppo “pannosa”, grassa, opulenta, ma ci sono alcune preparazioni che non si possono e non si devono bocciare, come questa!

C’è un lui o una lei che deve essere conquistata con qualcosa di seducente? Et voilà, le jeux sont faits!!!

INGREDIENTI:
(per 2 persone)
1 astice congelato
sedano,carota,scalogno
1 bicchiere di cognac
1 bicchiere di vino bianco
1/2 cucchiaio scarso di concentrato di pomodoro
il corallo dell’astice (importantissimo)

PREPARAZIONE:

Prendiamo l’astice e tagliamolo a metà per il lungo

e togliamo il corallo, che servirà poi per completare il sugo. Il corallo è quella parte cremosa situata all’inizio della testa dell’astice, sulla parte superiore, che si toglie col cucchiaino. In un astice fresco è verde o grigia, io l’avevo scongelato quindi il colore cambia. Vediamo se si capisce dalla foto dove è ubicato:

Prepariamo un bel battuto di scalogno, sedano e carota e mettiamolo in una pentola con del burro

Facciamo appassire dolcemente, poi mettiamo gli astici con la parte tagliata in alto

E facciamo andare per circa un quarto d’ora, o comunque finchè il carapace non avrà preso un bel colore rosso e la carne interna sarà diventata bianca. A questo punto, via con la generosa dose di cognac e fiammeggiamolo subito. Appena le fiamme si saranno esaurite, mettiamo anche il vino bianco e facciamo insaporire ancora qualche minuto, giusto il tempo per ridurre solo un pò il liquido. Prendiamo gli astici e mettiamoli da parte, magari al caldo per non farli raffreddare troppo.

Un vero spettacolo, vero? Adesso facciamo il condimento: nel soffritto mettiamo il concentrato di pomodoro: per due persone ne basta poco, io avevo cucinato per 6 persone quindi ne ho messo di più.

Dopo aver messo il concentrato, ho mescolato qualche minuto e ho aggiunto i coralli degli astici che avevo messo da parte. Mi raccomando, sono QUESTI che danno il sapore caratteristico all’astice all’armoricaine, mai saltare questo passaggio, se no sono semplicemente degli astici al sugo.

Facciamo restringere qualche minuto e impiattiamo: astice, del riso pilaf bianco come accompagnamento, e sopra l’astice una dose abbondante di sughetto, e se abbiamo un’occasione VERAMENTE SPECIALE, e avete voglia di fare qualcosa di VERAMENTE SPECIALE al prezzo di un pò di lavoro in più, impiattate  come ho fatto io: astice all’armoricaine, salmone marinato svedese con salsina gravad lax e panna acida, pane nero con due gocce di burro aromatizzato all’aneto fatto in casa. Veramente un tocco gourmet a casa propria   e ….godetevi le scintille del dopo cena!!!!


Related Posts

Tramezzini veneziani, venetian sandwich

Tramezzini veneziani, venetian sandwich

“Ah…adoro Venezia!!!” Indiana Jones (Harrison Ford) in ‘Indiana Jones e l’ultima crociata’, 1989 Correlati

Mjukt tunnbröd o piadine svedesi, dall’Ikea alle nostre tavole.

Mjukt tunnbröd o piadine svedesi, dall’Ikea alle nostre tavole.

Oba (Alex Fondja): “Amico, guarda un attimo. Puro filo di Svezia …[tenendo in mano dei calzini]” Mario (Antonio Albanese): “Scozia! Si chiama filo di Scozia!” dal film Contromano, 2018 Correlati



0 thoughts on “Astice all’armoricaine”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *