La seduzione comincia a tavola

Tempo di farinata

Tempo di farinata

 

“Ceci, palestra e lodi gonfiano in tanti modi” (Proverbio italiano)

     Mai visto un maggio così!!! L’ultima volta che ho visto questo tempo era settembre!!! Le temperature si sono abbassate, le piogge non smettono….. quindi perché non scaldarci con una bella farinata ligure? Oddio, la mia farinata non era perfetta come quelle che compri in quei negozietti liguri, che sanno di antico, quando la tirano fuori dal forno a legna bella fumante e profumata… Mi ricordo quando andavo a scuola, in quel periodo abitavo a Genova, che c’erano tutte le friggitorie tipiche che purtroppo ormai stanno sparendo.
     Non possiamo emulare i forni di questi mitici negozietti perché i forni di casa hanno dei limiti ma non bisogna gettare la spugna perché anche se non identica a quella fatta a legna è ugualmente buona. Fra l’altro è semplicissima da fare. Io ho usato la farina di ceci Molino Chiavazza che ha tenuto splendidamente sia il bagno in acqua che la cottura. Passiamo agli ingredienti:
INGREDIENTI:
per 2 persone
  • 100 g. di farina di ceci Molino Chiavazza
  • 300 g. d’acqua
  • 50 g. d’olio circa
  • sale q.b.
PREPARAZIONE:
     Le proporzioni sono: 3:1, cioè 3 parti d’acqua e 1 parte di farina. L’olio è circa la metà della farina. La preparazione è di una semplicità estrema. Cominciamo mettendo in una ciotola farina e acqua, e mescoliamo bene con un cucchiaio di legno stando bene attenti a non fare grumi. Aggiungiamo l’olio e il sale e mescoliamo molto molto bene. Deve risultare una bella pastella molto liquida e liscia.
          Ecco fatto, il lavoro è praticamente finito. Io ho fatto il composto la mattinata e l’ho lasciato riposare fino alla sera, ci sono varie scuole di pensiero: c’è chi lo lascia solo 3 o 4 ore, chi lo fa il giorno prima o 8 ore prima. In genere che io sappia il composto della farinata più sta e meglio è, e durante questo periodo di riposo ogni tanto va mescolato perché ovviamente la farina di ceci tende a depositarsi sul fondo. Comunque niente vieta di prepararlo il primo pomeriggio per la sera per esempio.
     Quando è arrivato il momento di cuocerlo, con un poco di anticipo ho acceso il forno, perché la farinata deve cuocere a temperature molto alte. D’altra parte nei forni a legna la temperatura arriva circa a 300° (se non di più!) e coi forni di casa è difficile arrivare a queste temperature. Quindi il barbatrucco è quello di riscaldare il forno alla temperatura massima, il mio arriva a 250. Quando il forno è caldissimo, prepariamo la teglia. Versiamo 2 o 3 cucchiai d’olio, versiamo il composto e amalgamiamolo all’olio, facendo dei grandi 8 con l’aiuto di un cucchiaio di legno.
     Deve fare le classiche “occhiate” d’olio. Lo so, la farinata non è certo per chi è a dieta, è molto unta e molto calorica, ma purtroppo è anche molto buona!!! Il composto nella teglia non deve avere uno spessore molto alto, perché la farinata è sottile, a occhio e croce dovrebbe essere di circa 4 o 5 millimetri.
     Mettiamola in forno e controlliamo la cottura. Facciamola cuocere molto bene, possiamo anche usare il grill che darà la tipica crosticina, e se c’è qualche bruciacchiatina qui e là lasciamola stare, darà più sapore alla nostra farinata.
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Caviale di succo d’arancia

Caviale di succo d’arancia

  “La Vodka è un lusso che ci possiamo permettere, il caviale è un lusso che ci possiamo permettere, il tempo no!” Nikita Khrushchev (Bob Hoskins) dal film “Il nemico alle porte” di Jean-Jacques Annaud

Print Friendly, PDF & Email
Pane bianco per tramezzini Dukan PP / PV

Pane bianco per tramezzini Dukan PP / PV

  “La dieta dello scapolo: pane, formaggio e baci” Jonathan Swift (Dublino, 1667 – 1745)

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *