La seduzione comincia a tavola

Lo gnocco in cucina

Lo gnocco in cucina
“La bellezza non può essere interrogata: regna per diritto divino” (cit. di Oscar Wilde)

     Ma questo non è un blog di cucina? E come mai la foto di un bellissimo ragazzo dallo sguardo conturbante? Bhe, ma con la cucina c’entra eccome!!! La settimana scorsa ero in giro per google a cercare non mi ricordo più nemmeno cosa, sapete… quei momenti di serendipity dove si inizia a cercare una cosa e poi si finisce ad altro perchè si trova qualcosa di interessante, o di curioso, ecc.ecc.ecc. Cosa è la serendipity? E’ il dono di fare per caso scoperte utili e piacevoli, esattamente come è successo a me in questo caso.
     Io ero sempre a fare le mie ricerche attinenti alla cucina, quando mi imbatto in un sito dal nome tanto curioso quanto ambiguo: Lo gnocco in cucina.
     Sono da sempre più curiosa di una scimmia, quindi potevo evitare di visitarlo? ovviamente no! Quindi ci sono andata….e sono rimasta allibita!!!! Magari arrivo con l’ultimo treno e tutto il web lo conosce, ma io che non lo conoscevo ancora ho deciso all’istante di parlarne sul mio blog, Cosa tratta questo sito?  Bhe innanzitutto la cosa che mi ha colpito è la simpatia e la freschezza che si ritrova in ogni pagina. In pratica per feste, addii al nubilato, ma anche per una serata a casa, c’è la possibilità di concordare un menù che… vengono a preparare a domicilio dei cuochi GIOVANI, BELLI E PRESTANTI!
     La cosa mi ha divertito moltissimo, perchè  in genere succede il contrario, cioè sono donne belle che fanno animazioni. Ho avuto il vago sospetto che fosse una donna ad aver architettato il tutto, e siccome io se non rompo le scatole a mezzo web non sono contenta, ho provato a scrivere. E in effetti avevo ragione!
     Ho parlato con Cecilia Minardi, che è stata di una disponibilità e di una cortesia veramente assoluti. Le ho ovviamente chiesto se potevo citarla nel mio blog perchè trovavo l’iniziativa molto divertente ed oltretutto molto particolare, e chi mi conosce sa quanto io amo le cose che vanno controcorrente e/o particolari e/o inusuali. Riporto esattamente quello che mi ha scritto perchè non potrei spiegarlo meglio:

Che cosa c’è di particolare? Bhe direi che è un servizio di animazione gastronomica (quindi il cuoco a domicilio non solo cucina ma chiacchiera, intrattiene, serve a tavola, coinvolge i commensali) in cui i cuochi hanno la particolarità di essere Gnocchi. Il nome del sito è volutamente quasi un doppio senso perchè giochiamo sull’ironia della cosa, in un progetto pensato da una donna per le donne. Non a caso il sito è una specie di catalogo on line in cui, quasi a modo di gioco, componi la tua serata con tutti gli elementi che vuoi (il cuoco, il menù, tutto viene scelto e combinato dal sito… e poi ovviamente intervengo io per eventuali personalizzazioni).

      Veramente un idea imprenditoriale notevole, confesso che non sarei mai riuscita a partorirne una simile nemmeno in un milione d’anni. In un periodo di crisi e di grossi problemi lavorativi, dove sembra che si sia  già visto di tutto e di più, non è facile raggiungere qualche nicchia non ancora sfruttata.
Cecilia in cucina con i suoi “gnocchi”
     Mi sono girata il sito in lungo e in largo, piacevole e immediato da visitare, essenziale e ben spiegato. E siccome nonostante la mia veneranda età sono e rimango sempre curiosa peggio di una scimmia, mi sono iscritta per visionare i cuochi. Infatti ho messo la foto di uno solo di loro (scelta rigorosamente a caso, cioè chiudendo gli occhi e facendo fermare il mouse dove capitava per non fare torto a nessuno) dopo aver chiesto il permesso a Cecilia, perchè se la sua politica è quella di visionare dopo la registrazione è giusto che rimanga così. Diciamo che… ho voluto stuzzicare un poco l’appetito delle signore! D’altra parte è una semplicissima registrazione gratuita.
     Il motivo per cui ho voluto inserirlo nel mio blog non è solo per il discorso superficiale della bellezza, ma andando oltre la superficialità ho amato molto l’idea, la creazione di qualcosa di diverso, e la particolarità. Ho iniziato a vagare col pensiero in varie direzioni, e mi è venuto in mente per esempio che storicamente l’oggetto del desiderio è sempre stata la donna: è sempre stata la donna che nell’antichità “deliziava” re ed imperatori con i suoi balli e i suoi canti, o semplicemente facendosi ammirare per soddisfare lo sguardo del potente di turno. Da sempre la donna è stata considerata “l’accessorio” del padre-padrone o del marito-padrone o dello sfruttatore sessuale.
     Qui invece si assiste a un’inversione di tendenza in maniera intelligente e rispettosa, condita con un pizzico di humor, assolutamente mai volgare ma che si diletta a giocare con l’ambiguità delle frasi, il che vuol dire che (finalmente) forse si potrà iniziare a sperare di eliminare una certa mentalità negativa nei confronti delle donne. Non nell’immediato e non velocemente ma almeno possiamo ben sperare.
     Non sempre è così perchè basta accendere la televisione e sentire un telegiornale, ma almeno voglio pensare, anzi voglio crederci, che piano piano certe brutture terminino o quantomeno si riducano di molto. Secondo me le donne, anche se continuano ad avere problemi (purtroppo) anche gravi, sempre di più acquistano consapevolezza di se stesse e delle loro idee.
     Questa è solo una parte delle mie complicate elucubrazioni mentali che evito di mettere per non far addormentare davanti allo schermo, ma dedico volentieri questo piccolo spazio del mio umile blog a Cecilia, una giovane e intelligente  imprenditrice che ha saputo trasformare gli “gnocchi” da “cibo ingrassante” a “delizia per gli occhi”

E siccome questo è un blog di cucina, un brindisi per gli gnocchi è d’obbligo!!! E un grande in bocca al lupo a Cecilia per la sua simpaticissima iniziativa.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Dedicato a Chiara

Dedicato a Chiara

“Il miglior riconoscimento per la fatica fatta non è ciò che se ne ricava, ma ciò che si diventa grazie ad essa” John Ruskin, 1819-1900, scrittore, pittore, poeta, critico d’arte britannico.

Print Friendly, PDF & Email
Pane raffermo… come lo usiamo?

Pane raffermo… come lo usiamo?

L. B. Jeffris (James Stewart): “Tanto meglio Stella… mi organizzerebbe un panino assortito?” Stella (Thelma Ritter): “Sì… volentieri e ci spalmerò del buon senso sul pane!” dal film La finestra sul cortile, 1954

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *