La seduzione comincia a tavola

Paccheri ripieni di pescatrice su letto di bufala con fondant di pomodori

Paccheri ripieni di pescatrice su letto di bufala con fondant di pomodori

“Ho come l’impressione che ogni passo che ho fatto da quando cammino, sia un passo verso di te…” Landon Rolands Carter (Shane West) dal film I passi dell’amore, 2002

 

     San valentino è alle porte e in questo periodo ci sentiamo tutti più innamorati del solito…e per chi vuole una cena all’insegna dell’amore, continuiamo a stare sul colore rosso, il colore della passionalità, dell’irruenza, della vita… E proprio pensando a S. Valentino che ho deciso per questo primo piatto: il colore rosso è dappertutto e il pesce impreziosisce la serata… e ci vuole veramente poco poco poco per farlo!

INGREDIENTI:

per 2 persone

  • 5 paccheri a testa
  • 400 g di coda di rospo
  • 300 g di pomodorini datterini
  • 1/4 di cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 mozzarella di bufala
  • qualche cucchiaio di panna liquida
  • uno spruzzo di brandy
  • una manciata di prezzemolo e basilico
  • olio EVO
  • sale e pepe q.b.
abbinamento vino
  • Bolgheri bianco
  • Verdicchio dei castelli di Jesi

PROCEDIMENTO:

1° step: la coda di rospo

     Step semplicissimo perché non dobbiamo fare altro che mettere un aglio intero (che poi toglieremo) una una padella, aggiungiamo un velo d’olio, e quando è caldo mettiamo la nostra coda di rospo. Dopo averla rosolata da ambo le parti bagniamo con del brandy, abbassiamo la fiamma e terminiamo dolcemente la cottura. Toglieremo la lisca centrale dopo cotto, se posso lascio sempre cuocere ossa e/o lische perché danno più sapore ai piatti. Una volta tolta la lisca centrale, con un coltello lo facciamo a pezzettoni. Non l’ho ne tritato ne frullato perché volevo che si sentisse la consistenza sotto i denti, ma chi lo volesse più morbido può tritarlo piccolo piccolo. Sconsiglio di frullarlo, la coda di rospo è così buona che secondo me perderebbe. I pezzettoni riempiranno i miei paccheri.

2° step: fondant di pomodorini

     Padellina, la cipollina tagliata sottile, un velo d’olio, facciamo appassire dolcemente la cipolla poi mettiamo i pomodorini tagliati a metà o a quarti. A fiamma dolce facciamo appassire e cuocere il tutto, ci vorrà all’incirca un quarto d’ora. Quando è pronto frulliamo il sughetto e lo passiamo al setaccio in modo da avere una bella salsina morbida e vellutata. Regoliamo di sale.

3° step: la crema di bufala

     La mozzarella di bufala (di ottima qualità mi raccomando) va messa a pezzetti nel frullatore con qualche goccio d’olio EVO e frullata benissimo. In caso di bisogno la si può allungare con della panna liquida per renderla più fluida. Sarebbe meglio averla a temperatura ambiente, in modo che non sia troppo fredda quando la si mangia, quindi tiriamola fuori dal frigo in giornata.

4° step: assembliamo il piatto

Bhe ci siamo. Ovviamente abbiamo messo a cuocere i paccheri, li abbiamo scolati e riempiti con i miei pezzettoni di coda di rospo. Su un piatto uno strato di crema di bufala, condita con olio e sale, i paccheri ripieni di coda di rospo, una cucchiaiata di fondant di pomodorini, un pizzico di prezzemolo e basilico tritati, e olio EVO a completare il piatto. Garantito un innamoramento a prima vista!

01-Paccheri ripieni di pescatrice su letto di bufala e fondant di pomodori/

02-Paccheri ripieni di pescatrice su letto di bufala e fondant di pomodori

03-Paccheri ripieni di pescatrice su letto di bufala e fondant di pomodori

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Mark Whitacre (Matt Damon): “Sai il succo d’arancia che bevi la mattina? Sai cosa c’è dentro? Il mais. E sai cosa c’è nello sciroppo d’acero che metti sui pancake? Sai cos’è che lo fa diventare tanto buono? Il mais. E quando fai il bravo e […]

Print Friendly, PDF & Email
Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Moustache (Lou Jacobi) a Nestor Patou (Jack Lemmon):“Lei va in cerca di guai, mio giovane amico. Essere troppo onesti in un mondo disonesto è come spennare un pollo controvento: si finisce sempre con la bocca piena di penne.” dal film Irma la dolce, 1963

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *