La seduzione comincia a tavola

Tagliolini ai cannolicchi e salicornia (asparago di mare)

Tagliolini ai cannolicchi e salicornia (asparago di mare)

Jack Sparrow(Johnny Depp):“Noooo! Non bene! Fermaaa, non bene! Che cosa fai!? Hai dato fuoco al cibo, alle palme… AL RHUM!”Elizabeth Swann(Keira Knightley):“Si, ho bruciato il rhum!”“Perché hai bruciato il rhum?”“Uno: perché è un’ignobile bevanda che muta anche il più rispettabile degli uomini in un perfetto furfante. Due: quel segnale raggiunge almeno 100 piedi e l’intera marina britannica è in giro a cercarmi, tu non credi che ci sia una remota possibilità di essere visti?”“Ma perché hai bruciato il rhum?” dal film Pirati dei Caraibi – La maledizione del forziere fantasma, 2006

 

     Spaghetti e cannolicchi sono un grande classico. Io l’ho lievemente variato, facendo una pasta fresca di semola (non all’uovo, secondo me non si sposa assolutamente bene col pesce) e aggiungendo la salicornia, che è veramente deliziosa e aggiunge sapore di mare al sapore di mare. Inizio con questo piatto la mia cena a tema. Per la pulizia preventiva dei cannolicchi potete leggerla in questo post.

INGREDIENTI:

per 4 persone

  • 300 g di farina di semola rimcinata
  • 160 g di acqua
  • 1 kg di cannolicchi
  • 200 g di salicornia
  • 2 spicchi d’aglio
  • 100 g di pomodorini tagliati a quarti
  • qualche foglia di basilico fresco
  • 2 cucchiai di ottimo olio EVO
  • sale e peperoncino (o pepe) q.b. 
abbinamento vino
  • Gewürztraminer dell’Alto Adige

PROCEDIMENTO: 

1° step: prepariamo la pasta

     Le dosi che ho messo sono per prepararla a mano. Si impastano in planetaria o a mano acqua e farina di semola, si fa riposare il panetto almeno una mezz’ora coperto con la pellicola trasparente, poi si stende col mattarello o con la sfogliatrice e si fanno i tagliolini. Per chi, come me, avesse invece il torchio della Kenwood o simili, le dosi cambiano, non le metto perché ogni macchina ha le sue dosi, basterà seguire le istruzioni.
     Facciamo quindi i tagliolini e mettiamoli ad asciugare su un canovaccio o un vassoio di cartone, tipo quelli per i pasticcini. Lasciamoli da parte e pensiamo al condimento.

2° step: prepariamo la salicornia

     Laviamo bene sotto l’acqua corrente la salicornia eliminando le cime più rovinate, scoliamola, e molto grossolanamente la tagliamo con un coltello, non c’è bisogno che siano pezzettini piccoli. Lasciamola da parte e prepariamo il condimento.

3° e ultimo step: il condimento

     Do per scontato che i cannolicchi siano già spurgati e puliti. Li passo quindi velocemente in una pentola caldissima per farli aprire, come si fa per le cozze o le vongole. Qualche minuto può bastare, il cannolicchio se cuoce troppo diventa gommoso e duro da mangiare. Non è cattivo ma l’effetto “chewing-gum” non è piacevole. Una volta aperti togliamoli dalla pentola e li mettiamo in uno scolapasta a raffreddare un poco. Dobbiamo toglierli uno ad uno dai gusci, e eliminare il sacchetto scuro che è quello che contiene gli intestini e molto spesso anche la sabbia. Deve rimanere solo la parte bianchissima. L’acqua che avranno lasciato nella pentola filtriamola e mettiamola nell’acqua dove bollirà la pasta. Aggiungerà salinità e sapore.

    Prima di tutto mettiamo sul fuoco la pentola d’acqua per i tagliolini, poi prendiamo una padella bella larga, adatta per poi far saltare anche la pasta, mettiamo due bei cucchiai di olio EVO e gli spicchi d’aglio tagliati a pezzettini. Chi non gradisce l’aglio può metterlo intero per poi toglierlo una volta cotto, in questo modo darà sapore e non ci sarà rischio di trovarselo in bocca. Aggiungiamo qualche pezzetto di peperoncino (o pepe per chi non lo gradisce) e soffriggiamo. Quando avrà raggiunto un bel calore, mettiamo la salicornia, e facciamo cuocere per una manciata di minuti, 5 o 6 basteranno. Aggiungiamo i pomodorini, non dovranno fare l’effetto salsa, a me piacciono quando sono appena appena cotti, morbidi ma non sfatti, chi invece ama l’effetto salsa li lasci cuocere un poco di più.

Aggiungiamo i cannolicchi che avevamo tenuto da parte. Non dovranno cuocere ma solo scaldarsi. Spegniamo il fuoco e attendiamo che la pasta cuocia. Assaggiamo per sentire quando è cotta, perché la pasta di sola semola e acqua è un po’ più coriacea di quella all’uovo e ci vuole qualche minuto di cottura in più. Appena è pronta, la mettiamo nella pentola dove c’è tutto quel buonissimo condimento e la facciamo andare a fuoco vivissimo qualche istante. Una bella mescolata e serviamo.  E’ di una bontà indescrivibile!

01-Taglierini con cannolicchi e salicornia
02-Taglierini con cannolicchi e salicornia

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Pane bianco per tramezzini Dukan PP / PV

Pane bianco per tramezzini Dukan PP / PV

  “La dieta dello scapolo: pane, formaggio e baci” Jonathan Swift (Dublino, 1667 – 1745)

Print Friendly, PDF & Email
Caviale di succo d’arancia

Caviale di succo d’arancia

  “La Vodka è un lusso che ci possiamo permettere, il caviale è un lusso che ci possiamo permettere, il tempo no!” Nikita Khrushchev (Bob Hoskins) dal film “Il nemico alle porte” di Jean-Jacques Annaud

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *