La seduzione comincia a tavola

Cocotte di pasta fillo con crema ai peperoni allo zenzero e uova di quaglia sode

Cocotte di pasta fillo con crema ai peperoni allo zenzero e uova di quaglia sode

Sam Spade (Humphrey Bogart):“La materia di cui sono fatti i sogni…” dal film Il mistero del falco, 1941

 

 

     Secondo appetizer della mia cena a tema. Su questa base si può spaziare come si vuole, perché la pasta fillo viene cotta in forno a parte, senza niente, per cui rimane bella croccante e leggerissima. E nonostante l’abbia riempita con una crema di peperoni, non è risultata per niente pesante, anche perché ho ovviamente dovuto “trattarli”, dato che la vera parte indigesta del peperone è la pellicina esterna.

INGREDIENTI:

per 4 cocotte

  • 2 fogli di pasta fillo
  • 1 peperone rosso
  • 1 scalogno
  • 1 pezzettino di zenzero
  • 1 cucchiaio di mascarpone (opzionale)
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 2 uova di quaglia
  • sale qb
abbinamento vino
  • Prosecco di Valdobbiadene

PROCEDIMENTO:

1° step: cuociamo la pasta fillo

     Innanzitutto accendiamo il forno a 200°, così mentre facciamo le nostre cose arriva a temperatura. Io ho comprato la pasta fillo divisa in grossi fogli quadrati, non ho fatto altro che tagliarla in 4 per avere dei bei quadratini quasi perfetti. Come misura siamo intorno ai 15 centimetri per lato, ma dipende molto dagli stampini che abbiamo, se li vogliamo fare più piccoli o più grandi, ecc.ecc.

      Il procedimento è semplicissimo: prendo un quadrato di pasta fillo, lo spennello con un velo leggerissimo di olio EVO, sopra metto un altro quadrato di pasta fillo ma con le punte sfalsate in modo da creare una specie di fiore. Poi basta mettere questi due fogli in uno stampino, io ne ho usato uno in silicone per muffin in modo da creare delle piccole ciotoline. Chi non ne fosse provvisto può usare delle tazzine, può usare ciotoline capovolte e sopra i quadrati di pasta fillo, altri stampini, insomma possiamo sbizzarrirci come vogliamo basta che ne facciamo dei piccoli contenitori.

     Mettiamo il tutto in forno già bello caldo, e stiamo molto attenti, perché per cuocerli e farli diventare croccanti bastano dai 3 ai 5 minuti, dipende sempre dal proprio forno. Quando le punte cambiano colore e cominciano a scurirsi togliamola dal forno, e lasciamola lì negli stampini a raffreddarsi, la prenderemo solo al momento di riempirla.

2° step: la crema di peperoni arrostiti e zenzero

     Una cremina veramente deliziosa! Prima di tutto bisogna trattare i peperoni per poterli spellare, perché ad essere indigesta è quell’antipatica pellicina. L’ho spiegato già molte volte in molte mie ricette, ne faccio un riassunto anche qui:

  1. laviamo il peperone sotto l’acqua corrente
  2. lo mettiamo sulla griglia del forno già caldo a 200°
  3. lo lasciamo circa mezz’ora, girandolo spesso, finché l’esterno non risulta bello bruciacchiato.
  4. una volta pronto mettiamolo in un sacchettino di plastica tipo quelli per congelare e chiudiamolo bene con un nodo, e lo lasciamo a intiepidire una ventina di minuti.
  5. dopo 20/30 minuti, grazie al vapore, la pellicina verrà via in un soffio, lasciando solo la polpa. Puliamolo bene dai residui sotto l’acqua corrente e adesso può essere usato per le nostre ricette.
     Adesso possiamo fare la crema: affettiamo lo scalogno e lo zenzero e li facciamo stufare con un poco d’olio a fiamma dolce. Dopo 10/15 minuti, stando attenti che non si brucino, aggiungiamo i peperoni che avremo tagliato grossolanamente, tanto il tutto verrà frullato. Il peperone era già in parte cotto, quindi ci vorrà giusto una manciata di minuti, poi possiamo frullarli. Io ho frullato aggiungendo una cucchiaiata di mascarpone che l’ha reso molto meno greve e più delicato, ma non è obbligatorio aggiungerla, dipende dal vostro gusto personale. Frulliamo bene il tutto aggiustando di sale e cercando di non finirla tutta a colpi di pane perché è peggio delle ciliege, una tira l’altra!

3° step: rassodiamo le uova


     Le uova di quaglia rassodano in circa 1/3 del tempo di un normale uovo di gallina. Prendiamo un pentolino con dell’acqua, mettiamo due uova a freddo, lo mettiamo sul fuoco e appena comincia a bollire abbassiamo la fiamma per non romperle e contiamo 3 minuti. Io le ho cotte in due minuti perché mi piace il tuorlo un pochino più morbido. Una volta pronte le sgusciamo, le tagliamo a metà, e le lasciamo da parte per poi metterle sulla sommità della crema di peperoni. Ovviamente niente vieta di usarne 4 intere, io ho preferito usarne una metà perché avevo paura che fossero pesanti e affondassero, e devo dire che sono veramente gustose pur essendo così piccine.

4° step: assembliamo il piatto e serviamo

     Niente di più semplice: prendiamo dallo stampo la pasta fillo, con un cucchiaio la riempiamo per circa due terzi con la crema, che deve essere tiepida o fredda se no ammorbidisce troppo la base, e sulla sommità mettiamo le nostre ovettine sode. Ognuno l’ha mangiata in modo diverso: chi prima ha attaccato le punte, chi invece è partito dal fondo, chi invece col cucchiaio si è mangiato prima l’interno e poi si è sgranocchiato la pasta fillo bella croccante. In qualsiasi modo, mi hanno rimproverata di averne fatte troppo pochi!

 

01-Cocotte di pasta fillo con crema ai peperoni allo zenzero e uova di quaglia sode

02-Cocotte di pasta fillo con crema ai peperoni allo zenzero e uova di quaglia sode

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Mark Whitacre (Matt Damon): “Sai il succo d’arancia che bevi la mattina? Sai cosa c’è dentro? Il mais. E sai cosa c’è nello sciroppo d’acero che metti sui pancake? Sai cos’è che lo fa diventare tanto buono? Il mais. E quando fai il bravo e […]

Print Friendly, PDF & Email
Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Moustache (Lou Jacobi) a Nestor Patou (Jack Lemmon):“Lei va in cerca di guai, mio giovane amico. Essere troppo onesti in un mondo disonesto è come spennare un pollo controvento: si finisce sempre con la bocca piena di penne.” dal film Irma la dolce, 1963

Print Friendly, PDF & Email


0 thoughts on “Cocotte di pasta fillo con crema ai peperoni allo zenzero e uova di quaglia sode”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *