"Non si sa di nessuno che sia riuscito a sedurre con ciò che aveva offerto da mangiare, ma esiste un lungo elenco di coloro che hanno sedotto spiegando quello che si stava per mangiare" (cit. di Manuel Vàzquez Montalbàn - scrittore e gastronomo spagnolo)

Spaghettoni di gragnano con baccalà mantecato e olive taggiasche

Spaghettoni di gragnano con baccalà mantecato e olive taggiasche

Nando Moriconi (Alberto Sordi):“Macaroni! … uhm … macaroni! Questa è robba da carettieri. Io nù mangio macaroni, io sò ammericano….. macaroni… m’hai provocato e io te distruggo, macaroni! Io me te magno!” dal film Un americano a Roma, 1954

 

     Veramente buoni e gustosi, ci sono parecchio piaciuti. Avevo fatto il baccalà mantecato per fare il mio assaggio gourmet di questa cena a tema, e ne avevo fatto un po’ troppo. Così ho deciso di sfruttarlo per condire semplicemente degli spaghettoni di Gragnano. Qualche pinolo tostato, delle olivette taggiasche, un poco di basilico spezzettato…. un tripudio di profumi.

INGREDIENTI:

per 4 persone
  • 350 g di spaghettoni
  • 200 g di baccalà mantecato già pronto (vedi QUI)
  • una manciata di olive taggiasche snocciolate
  • una manciata di pinoli
  • qualche foglia di basilico
  • sale e pepe qb
abbinamento vino (gli stessi della ricetta del baccalà mantecato)
  • Tocai di Lison classico
  • Breganze vespaiolo
  • Malvasia istriana
  • Verdicchio di Jesi
  • Durello DOC

PROCEDIMENTO:

1° e unico step: cuociamo la pasta e serviamo

     Diamo per scontato che il baccalà mantecato sia pronto, altrimenti basta una mezz’ora per farlo. Mettiamo una pentola d’acqua sul fuoco per cuocere la pasta, e mentre aspettiamo che arrivi a bollore approfittiamo per tostare leggermente i pinoli in una padella antiaderente, senza olio ne niente a fiamma medio-alta. Stando attenti a non farli bruciare, ci vorranno pochi minuti. Quando vediamo che cominciano a prendere colore li togliamo. Mettiamoli in una ciotola, dove condiremo la pasta, assieme al baccalà mantecato e alle olivette taggiasche snocciolate.
spaghettoni di Gragnano con baccalà mantecato

 

     Appena la pasta è cotta, la scoliamo, la versiamo nella ciotola, mescoliamo bene per far amalgamare il tutto, e terminiamo con del basilico spezzettato a mano. Una spolverata di pepe, e sentiamo se c’è bisogno ancora di sale, perché fra olive e baccalà potrebbe già essercene abbastanza.
Semplice e veloce, ma veramente di una bontà estrema. Siamo abituati ad associare il baccalà alla polenta, ma anche associato a un buon piatto di pasta...beh... la sua figura la fa!

 

       Semplice e veloce, ma veramente di una bontà estrema. Siamo abituati ad associare il baccalà alla polenta, ma anche associato a un buon piatto di pasta…beh… la sua figura la fa!

03-spaghettoni di Gragnano con baccalà mantecato

04-spaghettoni di Gragnano con baccalà mantecato
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Le fritole triestine/istriane

Le fritole triestine/istriane

  Marshall (Jason Segel):“Lily faceva sempre le frittelle. Dio come amavo le sue frittelle. Erano così morbide, così calde e poi… e poi con quella forma perfetta…” Ted (Josh Radnor):“Stai ancora parlando delle sue frittelle?” dalla serie TV How I met your mother, stag. 2 […]

Print Friendly, PDF & Email
Spaghetti al beurre blanc di prosecco con tartare di gamberi rossi di Mazara, pepe rosa, granella di pistacchi

Spaghetti al beurre blanc di prosecco con tartare di gamberi rossi di Mazara, pepe rosa, granella di pistacchi

  “Oh gran bontà de’ cavallieri antiqui!” da l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, Canto I, Strofa 22, vv. 1-6   Correlati

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *