La seduzione comincia a tavola

Mjukt tunnbröd o piadine svedesi, dall’Ikea alle nostre tavole.

Mjukt tunnbröd o piadine svedesi, dall’Ikea alle nostre tavole.

Oba (Alex Fondja): “Amico, guarda un attimo. Puro filo di Svezia …[tenendo in mano dei calzini]” Mario (Antonio Albanese): “Scozia! Si chiama filo di Scozia!” dal film Contromano, 2018

     Li inseguo da secoli, e finalmente ce l’ho fatta! Cosa sono queste cose strane con questo nome impronunciabile? Credo che l’Ikea sia conosciuta ormai da tutti. Quando lavoravo a Milano l’avevo a circa 10 minuti dal mio ufficio, e in pausa pranzo vi andavo spesso per mangiare nel loro ristorante e curiosare nella bottega svedese. Amavo molto prendere le loro particolari piadine arrotolate e farcite con salmone marinato. Adesso che non sono più vicina all’Ikea ne sento la mancanza, e così ho provato e riprovato per cercare di replicarle. Sto parlando di queste, in vendita congelate alla bottega svedese di tutte le Ikea d’Italia. La traduzione di bröd tunnbröd vuol dire pane sottile, io ho fatto i mjukt tunnbröd, cioè pane morbido e sottile. Onestamente non so davvero quale sia la differenza, forse una differenza di consistenza.

     Sono diventata letteralmente matta nel cercare la ricetta! Intanto la difficoltà della lingua, ringrazio il traduttore google ma non è stato lo stesso facile, perché spesso non mi traduceva alcuni vocaboli e mi sono arrangiata facendo la ricerca tramite immagini. Veramente faticoso e lungo, ma quando mi metto in testa qualcosa vado fino in fondo! Una volta trovati gli ingredienti, mi sono picchiata con le unità di misura, che ovviamente molti non avevano in grammi ma in misure a me sconosciute. Fra l’altro non ho trovato una dose uguale all’altra, le prime 10 ricette erano tutte diverse fra loro. Ma fra il traduttore e la comparazione di una con l’altra, sono arrivata a un punto fermo.

     Credo di avere guardato qualcosa come una settantina di ricette nei vari siti svedesi, ma finalmente ce l’ho fatta! A questo punto dovevo solo collaudarli, e mi sono riusciti al primo colpo: sono proprio loro! Cos’hanno di diverso con le nostrane piadine? Il sapore! Perché noi usiamo la farina 00, loro usano un mix di diversi tipi di farine, che li rendono particolari, più un aggiunta di qualcosa di dolce, zucchero, sciroppo, o sciroppo d’acero, che è quello che ho scelto di usare io. Sono riuscita a replicarne sia il sapore che la morbidezza, non me l’aspettavo in prima battuta. E siccome avevo fatto il mio salmone marinato svedese, il gravad lax, ne ho approfittato per replicare in tutto e per tutto i rotolini della bottega svedese dell’ikea, i tunnbrödsrulle, cioè il pane morbido arrotolato.

     Mentre li preparavo pensavo a una cosa, giusto per curiosità: avete notato come nel mondo siano molto diffuse queste piadine, o pani bassi?  Oltre alla nostra cara piadina, in Italia abbiamo la crescia marchigiana e il pane carasau. Nel mondo abbiamo il roti, usato nell’asia meridionale, il naan indiano, il matzah ebraico, il dosa indiano, la pita mediorientale, l’arepa venezuelana, il naan asiatico, il paratha indiano, il roshi maldiviano, l’injera etiope, la tortilla messicana, il chapati e il poori indiani. Questi sono quelli che mi ricordavo, ma sicuramente ce ne sono altri, e sicuramente tutti molto simili fra di loro. D’altra parte, impastare acqua e farina è fra le più antiche attività dell’uomo: era inevitabile che in tutto il mondo esistessero questi pani così somiglianti fra di loro.

 

INGREDIENTI:

per  una decina di pani

  • 8 g di lievito di birra
  • 31 g di burro
  • 51 g di latte
  • mezzo cucchiaino di cumino
  • mezzo cucchiaino di sale
  • 50 g di sciroppo d’acero
  • 200 g di farina di grano tenero
  • 100 g di farina di segale
  • 60 g di farina di frumento integrale

 

PROCEDIMENTO:

 

1° step: l’impasto

 

     L’impasto è semplicissimo: ho fatto sciogliere il burro a microonde, e ho scaldato il latte nel quale ho fatto sciogliere il lievito di birra. Il latte non deve essere bollente se no ammazza i lieviti, 37° vanno bene. Lo misuriamo mettendo dentro un dito, deve essere caldo ma non scottare. Poi mettiamo tutto nella planetaria e impastiamo, chi non avesse la planetaria segua pure il metodo tradizionale dell’impasto a mano. Impastiamo fino a che non avremo il solito panetto, bello liscio. Facciamo la classica palla e copriamola con della pellicola, la lasceremo riposare per almeno 45 minuti.

 

 

Mjukt tunnbröd o piadine svedesi
Mjukt tunnbröd o piadine svedesi

 

 

2° e ultimo step: cottura e farcitura

 

     Ci siamo: prendiamo l’impasto e dividiamolo in tante palline, a seconda di come le volete grandi. Col mattarello le stenderemo sottili, tanto in cottura gonfiano un po’, io le ho fatte quadrate in modo da farle simili a quelle svedesi. Vanno tassativamente bucate. Io ho usato il classico bucasfoglia, chi non l’avesse usi una forchetta, e cominci a bucare come se non ci fosse un domani. E’ un pane che deve rimanere sottile, se non lo bucassimo si gonfierebbe per effetto del calore. Mettiamo un testo o una padella antiaderente su fiamma vivace, e appena la padella è rovente mettiamo la nostra “piadina” e la facciamo cuocere per 2 minuti per lato circa, o comunque fino a che non diventa bruna. Occhio a non farla bruciare!

     Appena pronta la mettiamo su uno strofinaccio, e la copriamo con un altro strofinaccio, dappertutto anche ai lati, ovviamente tutti e due di cotone e puliti. E via così con le altre, appena sono pronte le mettiamo una sopra l’altra e le copriamo sempre con lo strofinaccio, stando attenti di chiuderlo bene. Operazione importantissima per mantenerle morbide. In mezz’ora avevo finito e ne avevo cotte una decina, non mi restava che collaudarle: il mio mjukt tunnbröd, spalmato di salsa gravad lax, cosparso di salmone marinato, qualche pezzettino di pomodoro, insalatina, altra salsa, e via con la procedura di rollamento. Appena ho messo in bocca il primo morso non ci credevo: uguali a quelli che mangio al ristorante dell’Ikea! Il sapore lo dà soprattutto il mix di farine, fra cui la segale, usatissima nel Nord-Europa.

     Chi non avesse preparato in anticipo salsa e salmone marinato, può usare tranquillamente del salmone affumicato e della normale senape, magari mescolata con un poco di zucchero e aceto per renderla somigliante alla salsina agrodolce. Ma in Svezia non li usano solo per il salmone: ne fanno hot dog, vegetariani, col formaggio, con la carne di renna… beh magari quella non la facciamo, ma possiamo sbizzarrirci come vogliamo. Loro li usano moltissimo oltre che col salmone come hot-dog, rollando un wurstel o una delle loro salsicce grigliate  con verdure, salse, formaggi, ecc. Adesso che so come farle appena faccio il salmone gravad lax ci saranno anche loro, non posso più farne a meno.

 

 

Mjukt tunnbröd o piadine svedesi
Mjukt tunnbröd o piadine svedesi

 

 

Mjukt tunnbröd o piadine svedesi
Mjukt tunnbröd o piadine svedesi

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Mark Whitacre (Matt Damon): “Sai il succo d’arancia che bevi la mattina? Sai cosa c’è dentro? Il mais. E sai cosa c’è nello sciroppo d’acero che metti sui pancake? Sai cos’è che lo fa diventare tanto buono? Il mais. E quando fai il bravo e […]

Print Friendly, PDF & Email
Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Moustache (Lou Jacobi) a Nestor Patou (Jack Lemmon):“Lei va in cerca di guai, mio giovane amico. Essere troppo onesti in un mondo disonesto è come spennare un pollo controvento: si finisce sempre con la bocca piena di penne.” dal film Irma la dolce, 1963 Correlati

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *