"Non si sa di nessuno che sia riuscito a sedurre con ciò che aveva offerto da mangiare, ma esiste un lungo elenco di coloro che hanno sedotto spiegando quello che si stava per mangiare" (cit. di Manuel Vàzquez Montalbàn - scrittore e gastronomo spagnolo)

Mini cheesecake alle mele senza cottura

Mini cheesecake alle mele senza cottura

Strega: “Tutta sola, piccina?” Biancaneve: “Sì, sono sola, ma…” Strega: “E… i nanetti non ci sono?” Biancaneve: “No, non ci sono.” Strega: “Fai una torta?” Biancaneve: “Sì, una torta di mirtilli.” Strega: “Ma è la torta di mele, piccina, il dolce preferito dagli uomini!” Dal film di Walt Disney Biancaneve e i sette nani, 1937

      Beh, le mele spaziano dall’ essere “da ospedale” (nel caso delle mele cotte) a qualcosa di sontuoso, a seconda di come sono usate. Premetto che io adoro le mele o le pere cotte, non le vedo assolutamente “da ospedale”, è solo un’associazione di idee stereotipata che altro, e adoro i dolci con le mele. Una cosa così comune, come una piccola mela rossa, può veramente sorprendere in mille modi.

     Al top delle mie preferenze c’è la classica apple pie americana, perché è umida, profumatissima e, cosa che non guasta, non eccessivamente dolce o unta, è una torta dove le mele la fanno da padrone. Ma ho voluto provare ad abbinarle con una cheesecake molto classica, e mi si è aperto un mondo! Velocissimo da fare, appagante per gli occhi, ed estremamente gustoso per il palato. Cosa vogliamo di più?

INGREDIENTI:

per  2 persone

  • mezza mela rossa
  • 6 biscotti digestive
  • 40 g di burro
  • 100 g di formaggio spalmabile
  • 100 g di panna fresca da montare
  • 2 cucchiai di zucchero

per lo sciroppo

  • 4 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai d’acqua

abbinamento vino

  • Moscato Rosa dell’Alto Adige
  • Malvasia di Castelnuovo Don Bosco DOC
  • Albana di Romagna dolce

PROCEDIMENTO:

 

1° step: la crema di formaggio

 

     Facciamo la panna montata. Deve essere tutto freddissimo di frigo se vogliamo che si monti velocemente, quindi sia panna che attrezzi li metteremo in frigo. Montiamola con un cucchiaio di zucchero, e appena è pronta la mescoliamo al formaggio, al quale avremo aggiunto un cucchiaio di zucchero, o comunque secondo il nostro gusto. (Ovviamente si può sostituire con la panna montata già pronta). Dovremo ottenere una bella crema densa e sostenuta. Se per caso dovesse risultare troppo “molla”, segno che il formaggio era acquoso, dovremo aggiungere della gelatina per renderla soda.

     Idratiamo 2 fogli di gelatina per 10 minuti in acqua fredda, la quantità d’acqua dovrà essere 5 volte la gelatina, e mettiamola in un pentolino dove avremo scaldato, senza arrivare a bollore, 2 cucchiai di latte. Mescoliamo bene per farla sciogliere, poi aggiungiamolo al composto di formaggio e panna e mescoliamo benissimo. Ma se avete preso un formaggio spalmabile bello denso questa operazione non è necessaria. Quando avremo ottenuto un composto ben amalgamato ed omogeneo, trasferiamolo in una sac à poche e lo lasciamo in frigo a compattarsi mentre prepariamo il resto.

 

2° step: la base della cheesecake

 

     La facciamo nel modo più classico possibile: frulliamo i biscotti con del burro fuso, poi li mettiamo nelle ciotoline individuali facendo uno strato di un centimetro o due, a nostro gusto, e pressiamo molto bene, in modo da compattare il tutto ed avere una bella base liscia. La base è pronta, dovremo solo lasciarla in frigo, bastano 20 minuti, per raffreddare il burro e farla indurire. Adesso è il tempo delle mele.

 

3° step: facciamo le mele e componiamo il dolce

 

     Tagliamo una mela in quattro, e prendiamone i due quarti. Per due persone bastano. Togliamo il torsolo centrale. Affettiamola molto sottile, l’ideale è farlo con una mandolina in modo da avere tutte le fette di spessore regolare. Mettiamole in un contenitore adatto al microonde, io ho usato uno stampo per plum-cake in vetro, le cospargiamo con fiocchetti di burro e un cucchiaio di zucchero, cercando di andare dappertutto. Le copriamo con della pellicola trasparente, e le mettiamo in microonde a 600/700 watt. Quando il forno si spegne togliamo la pellicola e lasciamo che si intiepidiscano, altrimenti rischiamo di sciogliere la crema di formaggio.

 

01-mele affettate
mele pronte per la cottura

 

 

     La cottura per poco tempo al microonde permette alle mele di mantenere il colore rosso della buccia, che avrà un bellissimo effetto cromatico a dolce finito, ma le renderà soprattutto morbidissime. Potremo quindi plasmarle a nostro piacimento senza paura che si rompano. Saranno anche associate all’ospedale, ma io adoro l’odore della mela cotta, un misto fra dolce e acido assolutamente delizioso.

     Componiamo il dolce: prendiamo dal frigo le nostre ciotoline, che avranno fatto una bella base solida, prendiamo dal frigo anche il sac à poche, e mettiamo la crema di formaggio nelle ciotoline. Dovremo creare un appoggio tondo per le mele, quindi prima facciamo una base regolare poi dal centro ci alziamo, in modo da formare una specie di piramide o cupola, l’altezza a nostro gusto ma ovviamente non deve essere più alta delle fette di mela. Questo lavoro si fa tranquillamente solo col sac à poche, se vogliamo aggiustarne la forma con un cucchiaino possiamo fare qualche piccolo ritocco.

     Su questa cupola di crema di formaggio appoggeremo le fette di mela, una ad una cercando di essere precisi. Io ho optato per dare una forma a spirale, ma possiamo farla come vogliamo. L’ultimo tocco è lucidarla. Facciamo uno sciroppo, mettendo a bollire acqua e zucchero fino a che non è denso quasi come miele. Non deve diventare ambrato, deve solo raddensarsi. Facciamo raffreddare poi con un pennellino cospargiamo le mele. Si può bypassare la lucidatura con sciroppo usando un lucidante spray per dolci.

 

 

02-cheesecake alle mele
cheesecake alle mele

 

 

     Cosa ci rimane da fare? Beh, l’ultima cosa da fare è godercela! E’ interessante assaporare i vari strati: la croccantezza della base biscotto, la morbidezza quasi setosa della crema, e le mele, un misto fra dolcezza e acidità. Come la possiamo variare? In molti modi: aggiungendo della buccia di limoni o arance alla crema, che darà freschezza. Con granella di pistacchi sulle mele? O dei pezzettini di cioccolato? Oppure la vogliamo lucidare con del miele scaldato con pochi cucchiai d’acqua? O facendo la base biscotto con i wafer alla vaniglia? Le soluzioni sono infinite. Ma questa piccolissima porzione di cheesecake ha in sé un enorme gusto e una grandissima soddisfazione. E poi è bella a vedersi, il che non guasta!

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Spaghetti al beurre blanc di prosecco con tartare di gamberi rossi di Mazara, pepe rosa, granella di pistacchi

Spaghetti al beurre blanc di prosecco con tartare di gamberi rossi di Mazara, pepe rosa, granella di pistacchi

  “Oh gran bontà de’ cavallieri antiqui!” da l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto, Canto I, Strofa 22, vv. 1-6   Correlati

Print Friendly, PDF & Email
Baccalà in vasocottura

Baccalà in vasocottura

  John (Mickey Rourke) a Elizabeth (Kim Basinger): “Sei così maledettamente affascinante…!” dal film 9 settimane e ½, 1986   Correlati

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *