La seduzione comincia a tavola

Linguine peperoncino, rucola e ricotta infornata. La cucina del riciclo.

Linguine peperoncino, rucola e ricotta infornata. La cucina del riciclo.

Ford Prefect (Mos Def): “Il tempo è un’illusione…L’ora di pranzo una doppia illusione.” dal film Guida galattica per autostoppisti, 2005


 

     Ho già fatto parecchi piatti sulla cucina del riciclo, e tutte le volte mi stupisco io per prima come con le rimanenze che si hanno in frigo si riesca a fare piattini veramente gustosi… cosa che se volessi farlo appositamente non ci riuscirei! E anche questo piatto è nato dall’esigenza di terminare un pacco di pasta già aperto, e dei rimasugli di ricotta e di rucola, che dovevo fare prima che si rovinassero. Forse la tranquillità di non stare dietro a procedimenti e pesi e misure, forse il fatto di non pensarci più di tanto o di non avere l’ansia del “verrà bene o verrà male”, io non so perché ma tutte le volte che preparo qualcosa con gli avanzi mi viene meglio che se dovessi fare un piatto ex-novo.

INGREDIENTI:

per  2 persone

  • 180 g di linguine
  • uno scalogno
  • mezzo peperoncino fresco
  • una grossa manciata di rucola
  • ricotta infornata o affumicata da grattugiare
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • sale qb

abbinamento vino

  • Chardonnay DOC
  • Cabernet Sauvignon di Torgiano DOC
  • Sannio DOC
  • Solopaca Rosso Superiore

e se volessimo abbinarci un cocktail? (dal sito Whinedharma)

  • Sex on the Beach

 

PROCEDIMENTO:

 

1° step: il peperoncino

 

     Volevo parlare del peperoncino, fresco, che io uso spesso nei miei piatti. Prendo online (perché qui da me non li ho mai visti e presumo mai li vedrò) i peperoncini jalapeños. Sono freschi, sono croccanti, e sono piccanti giusto lievemente. Li prendo sia rossi che verdi, li adoro quando sono belli freschi.

 

 

01-peperoncino jalapeño croccante
peperoncino jalapeño fresco

 

 

     Ovviamente si possono usare i peperoncini che più ci piacciono, regoliamoci anche col grado di piccantezza, l’importante è che siano freschi e croccanti, vedrete che il piatto cambierà dal giorno alla notte. Quelli che avevo comprato erano appena appena piccantini, adoro metterli anche in un panino o in un toast tagliati così, semplicemente a fettine per il lungo. ma messi anche in una bella pasta e fagioli fumante non sfigurano di certo. Dovrei decidermi a metterli sott’olio, se non fosse che li finisco sempre tutti!

 

2° step: il condimento

 

     Veloce veloce giusto il tempo che l’acqua arrivi a bollore e che cuocia la pasta, le linguine cuociono in genere fra gli 8 e i 12 minuti a seconda del tipo. Dopo aver messo una bella pentola d’acqua sul fuoco prendiamo il nostro peperoncino e lo tagliamo, io ho scelto di tagliarlo a fettine sottili per il lungo, perché mi piace da morire sentirlo sotto i denti scrocchiare. Ovviamente secondo i nostri gusti personali sceglieremo il tipo di peperoncino, il grado di piccantezza, oppure il non metterlo proprio.

 

 

02-peperoncino affettato
peperoncino affettato

 

 

     In una padella larga (perché vi faremo saltare la pasta) mettiamo il nostro peperoncino e lo scalogno affettato sottile, e facciamo stufare qualche minuto con un velo di olio EVO, poi aggiungiamo una bella manciata di rucola, che faremo stufare per una decina di minuti. Non mettiamola tutta, ne lasciamo da parte un poco che metteremo a crudo sulla pasta. Il nostro condimento è praticamente pronto. Interessante il profumino che fa la rucola quando la si cuoce.

     Possiamo anche metterla nell’acqua assieme alla pasta, l’ho già fatta parecchie volte così, una parte cotta e una parte cruda di rucola, che appassisce leggermente col calore della pasta. Ma è indubbiamente più saporita se la facciamo brasare a fuoco vivace con olio e scalogno. Nel frattempo avremo portato a cottura le linguine, giusto un paio di minuti prima della cottura le prendiamo con una pinza e le mettiamo nella padella del condimento, a fuoco vivace. Termineremo gli ultimi minuti di cottura della pasta insaporendola col condimento e aiutandoci con qualche mestolo di acqua di cottura. Mi raccomando che non sia troppa, non deve annegare, ma solo finire di cuocere. Non è proprio risottata ma quasi. Quando la cottura sarà di nostro gusto, impiattiamo.

 

3° e ultimo step: impiattiamo e serviamo

 

     Prima di impiattare spolveriamo sulla pasta la rucola cruda che avevamo tenuto da parte, una mescolata veloce, e impiattiamo. Già così è bellissima con tutti quei bei colori vivi, linguine con rucola veramente squisite. Ovviamente si può scegliere il formato di pasta che più ci aggrada, io adoro le linguine perché mi piace da morire la pasta lunga e piatta, ma niente vieta di usare un altro tipo di formato.

 

 

03-linguine peperoncino, rucola e ricotta al forno
linguine appena impiattate

 

 

     Potremo mangiarla così, assicuro che è buonissima, chi è vegano può bypassare il formaggio, chi non avesse la ricotta da grattugiare può spolverarla con del parmigiano grattugiato, e del pepe se non avete messo il peperoncino, ma la ricotta affumicata da grattugiare dà veramente uno sprint incredibile.  Ed ecco come, in 15 minuti scarsi, e con quello che può rimanere in frigo, abbiamo creato un piattino davvero niente male!!!

 

 

04-linguine peperoncino, rucola e ricotta al forno
linguine peperoncino, rucola e ricotta al forno

 

 

05-linguine peperoncino, rucola e ricotta al forno
linguine peperoncino, rucola e ricotta al forno

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Mark Whitacre (Matt Damon): “Sai il succo d’arancia che bevi la mattina? Sai cosa c’è dentro? Il mais. E sai cosa c’è nello sciroppo d’acero che metti sui pancake? Sai cos’è che lo fa diventare tanto buono? Il mais. E quando fai il bravo e […]

Print Friendly, PDF & Email
Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Moustache (Lou Jacobi) a Nestor Patou (Jack Lemmon):“Lei va in cerca di guai, mio giovane amico. Essere troppo onesti in un mondo disonesto è come spennare un pollo controvento: si finisce sempre con la bocca piena di penne.” dal film Irma la dolce, 1963 Correlati

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *