La seduzione comincia a tavola

Rose di mortadella, gorgonzola e pere cotte nel prosecco

Rose di mortadella, gorgonzola e pere cotte nel prosecco

Barbara Rose (Kathleen Turner): “Hai mai fatto l’amore con rabbia?” Gavin D’Amato (Danny DeVito): “C’è un altro modo?” dal film La guerra dei Roses, 1989


     Come al solito avevo un pranzo da fare, e mi stavo scervellando per fare un antipasto. Avevo già deciso per il pranzo, ma mi mancava l’entrée. Siccome il pranzo era sostanzioso, volevo di contro un antipasto leggero. Ma che fosse sfizioso. Ma che fosse strano, e magari veloce da preparare. Premetto che sono un’appassionata del “food pairing”. Cos’è il food pairing? E’ l’associazione di due o più alimenti a seconda del loro composto molecolare e/o organico. In pratica è la chimica dei cibi, che abbina  (to pair vuol dire proprio accoppiare) alimenti che magari a prima vista non hanno nulla in comune creando sensazioni di gusto completamente nuove, come nel caso proprio del connubio mortadella pere.

     Ci sono siti che si occupano proprio di questo, ed è grazie a un sito americano di pairing che ho scoperto, casualmente e con molta diffidenza, l’abbinamento fra ananas e gorgonzola! Non ci ho creduto fino al momento in cui l’ho assaggiato, ma da quella volta ho visto il “food pairing” come un’ulteriore occasione per divertirmi con le papille gustative e scoprire gusti nuovi! Come in questo caso. Non so perché volevo usare della mortadella, ne avevo voglia, io adoro il profumo della mortadella. Ma volevo abbinarla con qualcosa di particolare. E girando per i miei amati siti di pairing, ho scoperto che l’abbinamento mortadella-pera-aceto balsamico è vincente. Beh, fidiamoci… e dopo averci pensato, ho elaborato l’antipasto, che mi ha gratificato oltre ogni dire, soprattutto dai commenti dei miei ospiti.

 

INGREDIENTI:

per  4 persone

  • 4 fette grandi di mortadella affettata sottile
  • 200 g di gorgonzola dolce
  • 2 o 3 cucchiai di panna fresca
  • una pera grossa o due piccole(tipo abate, conference o kaiser)
  • due bicchieri di prosecco
  • qualche goccia di un ottimo  aceto balsamico

abbinamento vino

  • Dom Perignon
  • Pas Dosé – d’Araprì Spumante Metodo Classico
  • Cuvée dei Frati – Cà dei Frati Brut Metodo Classico

 

PROCEDIMENTO:

1° step: cuociamo le pere

 

     Prendiamo un pentolino e mettiamo del prosecco, deve coprire le pere, e accendiamo il fuoco a fiamma media. Sbucciamo le pere e togliamo il torsolo dopo averle fatte a quarti, o a metà se sono piccine. Il tipo di pera è importante perché non deve essere morbida, dopo la cottura si sfalderebbe, ma deve essere un tipo bello duro, in modo che dopo la cottura sia morbida ma ancora con una certa consistenza. Fatte a quarti, le mettiamo in pentola e dobbiamo farle sobbollire leggermente, appena inizia il bollore abbassiamo la fiamma,  per circa 15 minuti. Saggiamole con un coltello per verificare la consistenza, a seconda del tipo di pera che abbiamo potrebbero volerci dai 10 ai 20-25 minuti. Una volte pronte le togliamo dal pentolino e le mettiamo in un piatto in attesa di comporle con gli altri elementi.

 

 

01-mortadella gorgonzola e pere cotte nel prosecco
mortadella gorgonzola e pere cotte nel prosecco

 

 

2° step: assembliamo il piatto e serviamo

 

     Adesso sarà velocissimo: intanto prepariamo la crema di formaggio, non dovremo fare altro che frullare il gorgonzola, aiutandoci nel caso con qualche cucchiaio di panna fresca fino a che non vediamo che è morbido, ma non troppo perché dovremo lavorarlo. Lo mettiamo in una ciotolina e terminiamo di mantecare con un cucchiaio di legno. Adesso prendiamo la mortadella, scegliamo le fette più integre, e le arrotoliamo come delle rose, perché nel mezzo poi metteremo una quenelle di crema di gorgonzola, appoggeremo i quarti di pera cotti e termineremo con una spruzzata di aceto balsamico.

 

 

03-mortadella gorgonzola e pere cotte nel prosecco
mortadella gorgonzola e pere cotte nel prosecco

 

 

     Non dovremo fare altro che servirlo. Se lo preparate in anticipo, tiratelo fuori dal frigo un’ora prima circa in modo che non sia tutto gelido ma a temperatura ambiente. Che dire, anche questa volta i siti di pairing avevano ragione: la mortadella assieme alla pera crea davvero un gusto nuovo, dove nessuno copre l’altro ma si fondono insieme meravigliosamente. Un antipasto particolare, veloce, e buonissimo… cosa vogliamo di più, che ce lo serva George Clooney? Cosa che non mi dispiacerebbe affatto fra le altre cose…

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Come fare la polenta senza mescolare [aggiornato]

Mark Whitacre (Matt Damon): “Sai il succo d’arancia che bevi la mattina? Sai cosa c’è dentro? Il mais. E sai cosa c’è nello sciroppo d’acero che metti sui pancake? Sai cos’è che lo fa diventare tanto buono? Il mais. E quando fai il bravo e […]

Print Friendly, PDF & Email
Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Moustache (Lou Jacobi) a Nestor Patou (Jack Lemmon):“Lei va in cerca di guai, mio giovane amico. Essere troppo onesti in un mondo disonesto è come spennare un pollo controvento: si finisce sempre con la bocca piena di penne.” dal film Irma la dolce, 1963

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *