La seduzione comincia a tavola

Spaghetti con rucola e salmone marinato

Spaghetti con rucola e salmone marinato

Victor Rhyall (Cary Grant) a Lady Hilary Rhyall (Deborah Kerr), Charles Delacro (Robert Mitchum), Hattie Durant (Jean Simmons): “Sa, io penso che se la morale di questo secolo peggiorasse ancora bisognerebbe introdurre nuovamente il duello, renderlo legale.” “Ma a che servirebbe?” “Dividerebbe a metà il numero dei divorzi.” “Potrebbe dividere a metà anche i mariti, e allora chi ci darebbe gli alimenti?” dal film l’erba del vicino è sempre più verde, 1960


     Il mio giardinetto degli aromi stava scoppiando da quanta rucola produceva. Così la scelta di questo mio primo piatto per la mia cena a tema sul salmone è stato praticamente obbligato. Mi sono mossa dalla mattina, perché ho trattato il salmone come per fare il gravad lax, però marinandolo solo una giornata invece che le canoniche tre.  E facendolo col mio finocchietto (la mia piantina era diventata più alta di me!) e non con il canonico aneto. Per cui salmone marinato sì ma in maniera diversa dal solito.

 

INGREDIENTI:

per  4 persone

  • 320 gr di spaghetti
  • un filetto di salmone intero di circa 400 gr
  • due cucchiai di zucchero
  • due cucchiai di sale
  • un cucchiaino di pepe bianco, meglio se appena macinato
  • una manciata di finocchietto lavato e tagliato grossolanamente
  • circa 100 gr di rucola freschissima e croccante
  • un limone
  • sale e olio EVO qb

abbinamento vino

  • un ottimo Prosecco di  Valdobbiadene ghiacciato

 

PROCEDIMENTO:

 

1° step: mariniamo il salmone

 

     Il procedimento è assolutamente simile al salmone gravad lax che faccio ormai da tempo immemore. Sale, zucchero e pepe in una ciotolina, e mescoliamo il tutto, ed ecco pronta la nostra concia. L’importante è che sale e zucchero abbiano lo stesso dosaggio, sul pepe possiamo regolarci a nostro gusto. Mettiamo della pellicola trasparente su un tagliere, bella stesa, mettiamo metà della concia; adagiamo il filetto di salmone dalla parte della pelle, e mettiamo il resto della concia sopra, spargendola benissimo con la mano. Mettiamo il finocchietto, tagliato a pezzettoni, e chiudiamo con la pellicola il tutto.

 

 

01-salmone marinato
filetto di salmone scongelato

 

 

     Dovremo avere un bel pacchettino ben chiuso. Facciamo con uno stuzzicadenti tanti buchini qui e là, sia davanti che dietro, in modo da far scolare l’acqua che farà. Mettiamo il pacchettino in uno scolapasta, appoggiato su un contenitore per raccogliere i liquidi, e mettiamo in frigo. Va bene fatto la mattina per la sera, ma niente vieta di farlo il giorno prima, in questo modo si insaporirà di più. Lasciamo lì fino al momento di mangiare, perché tutto il resto si fa giusto il tempo di cottura della pasta. Ricordiamoci durante la giornata di girarlo un paio di volte, in questo modo perderà meglio la sua acqua e si marinerà meglio.

 

2° step: prepariamo la rucola e il salmone e cuociamo la pasta

 

     Ho voluto fare la foto perché la mia rucola è davvero bellissima. Ma è soprattutto croccante, e leggermente piccantina. Molti la definiscono una verdura anni ’80 perché in quegli anni se ne usava e se ne stra-usava, ma a me nel 2020 piace e mi fa impazzire, per cui la uso e la ri-uso. Se poi è coltivata in casa, vuoi mettere la differenza?

 

 

02-rucola fresca e croccante
rucola fresca e croccante

 

 

     Per cui, sia che la coltiviamo noi sia che sia comprata, intanto la laviamo bene e la scoliamo. Dopo scolata l’ho tagliata a pezzetti, in modo da essere più agevole da mangiare con gli spaghetti. Mettiamo una pentola con acqua sul fuoco e aspettiamo che arrivi a bollore. Appena bolle mettiamo il sale e poi la pasta e circa un terzo della rucola, e facciamo cuocere. Mentre la pasta cuoce prendiamo il nostro pacchettino del salmone, lo apriamo e lo sciacquiamo bene sotto l’acqua fredda per togliere ogni traccia di sale e zucchero, e togliamo anche il finocchietto. Io l’ho affettato come si affetta il salmone affumicato, perché non lo volevo piccolo ma volevo proprio delle sottili fettine.

 

 

03-salmone affettato
salmone affettato

 

 

     Queste fettine le ho poi tagliate in due o tre parti, e ho messo il salmone in una ciotolina mentre aspettavo che la pasta finisse di cuocere. (Nel frattempo qualche piccola fettina è “casualmente” capitata su un pezzettino di pane spalmato di burro, come sarà finita lì? E come sarà finita nella mia bocca? Mistero!) Mamma mia com’era buona… non vedevo l’ora di assaggiare il piatto finito. E soprattutto non vedevo l’ora di vedere come sarebbe stato tutto l’insieme.

 

3° step: assembliamo il piatto e serviamo

 

 

04-spaghetti rucola e salmone marinato
spaghetti rucola e salmone marinato

 

 

     È giunta l’or! Scoliamo la pasta e mettiamola in una ciotola, condiamola con dell’olio EVO. Per chi gradisce si può anche condire con un poco di burro, io ho preferito l’olio. Mettiamo anche la rucola che avevamo tenuto da parte, che si appassirà solo leggermente col calore della pasta, e mescoliamo bene. Mettiamo il salmone, e lasciamone un poco da parte che metteremo direttamente sul piatto. Porzioniamo e mettiamo nel piatto. Terminiamo con dell’altro salmone e se ci vuole ancora un giro di olio, e mi raccomando: lo spruzzo di limone è vitale, perché il piatto cambia totalmente. Spremiamo quindi del limone sul piatto, soprattutto sopra il salmone, e se si gradisce un altro giro di pepe. Poi mettiamo in bocca la prima forchettata…

 

 

06-spaghetti rucola e salmone marinato

 

 

     Il piatto è semplicissimo, una pasta cotta condita con olio, rucola e salmone. Ma la commistione di gusti è spaziale, e soprattutto lo spruzzo di limone cambia il piatto da banale a strepitoso, e lo dico io che non amo molto il limone! Mi è piaciuto da morire: mi è piaciuta la freschezza, mi sono piaciuti i sapori, e tutto l’insieme era estremamente armonico! Da rifare assolutamente! Tanto i miei vasi continuano a produrre rucola come se non ci fosse un domani. Dovrò sacrificarmi ancora, ma la scienza esige i suoi martiri.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Pane bianco per tramezzini Dukan PP / PV

Pane bianco per tramezzini Dukan PP / PV

  “La dieta dello scapolo: pane, formaggio e baci” Jonathan Swift (Dublino, 1667 – 1745)

Print Friendly, PDF & Email
Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Crème caramel: tutti i segreti per farlo perfetto

Moustache (Lou Jacobi) a Nestor Patou (Jack Lemmon):“Lei va in cerca di guai, mio giovane amico. Essere troppo onesti in un mondo disonesto è come spennare un pollo controvento: si finisce sempre con la bocca piena di penne.” dal film Irma la dolce, 1963

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *