0 0
La pappa al pomodoro toscana

Condividi sul tuo social network:

Oppure si puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Calcola le porzioni:
400 g di pane raffermo, meglio se il toscano non salato
400 g di pomodori
2 spicchi d' aglio
qualche foglia di basilico
2 foglie di alloro
2 foglie di salvia
2 rametti di rosmarino
qb sale e pepe
parmigiano o pecorino per condire
olio EVO, se possibile toscano
abbinamento vino
Chianti Colli Fiorentini DOCG
Chianti dei Colli Senesi DOCG

Salva questa ricetta nei Preferiti

devi accedere o registrartiper aggiungere / aggiungere ai preferiti questo contenuto.

La pappa al pomodoro toscana

Caratteristiche:
  • bollitura
Cucina:

Maresciallo Carotenuto (Vittorio de Sica) a Maria de Ritis, la "Bersagliera" (Gina Lollobrigida): "Che te magni?" "Pane..." "E che ci metti dentro?" "Fantasia, marescià..." dal film Pane, amore e fantasia', 1953

  • 1 ora
  • Porzioni 2
  • Facile

Ingredienti

  • abbinamento vino

Istruzioni

Condividi

Visto che questo agosto ci ha regalato parecchi giorni brutti e di pioggia, una sera non so perché, come se avessi acceso una lampadina, complice forse il butto tempo, ho ripensato alla pappa al pomodoro che si fa in Toscana. Erano anni e anni che non la facevo. Mi è venuto in mente come la faceva mia mamma, mia nonna e la mia bisnonna, e per un solo momento mi è sembrato quasi di sentire in bocca il sapore del cibo, ma non mi bastava, dovevo farlo e dovevo farlo subito.

Ho quindi preso il pane duro che conservo nel mio porta pane di sughero, che in genere uso per fare il pan grattato, e ho cominciato a preparare la pappa al pomodoro. Ho cominciato a ricordare quando ero piccola, i miei nonni, la vecchia casa con la stufa… feci la pappa al pomodoro anche a mio figlio dopo lo svezzamento, intorno all’anno di età, ovviamente ben frullata, e anche lui se ne mangiò tantissima, perché stiamo parlando di confort food, di cibo del ricordo, di celesti nostalgie e di profumi dimenticati.

In toscana abbiamo la pappa al pomodoro e il pancotto. Anzi, a onor del vero molte regioni italiane hanno delle ricette molto simili per sfruttare il pane raffermo. Non era difficile, in anni di povertà, ingegnarsi in tal senso. Per cui ogni casa di moltissime regioni avrà la sua ricetta, che giurerà essere l’originale, diversissime fra loro, ma ugualmente buone.

La mia è quella del ricordo, e sinceramente non mi interessa più di tanto se è l’originale o no, perché non credo si possa arrivare a un punto fermo. E’ quella della mia famiglia, e questo mi basta. Noi in famiglia facevamo sia la pappa al pomodoro che il pancotto. La differenza fra i due? Sostanzialmente nessuna, una viene fatta col pomodoro l’altra senza.

Se dovessi decidere qual è più buona non riuscirei mai. Perché sono tutte e due ricette così radicate nel mio cuore, che mi risulta impossibile dare una priorità. Risolveremo l’imbarazzo facendone prima una e poi l’altra. Qui la pappa col pomodoro, e qui una ricetta fatta col pancotto ma più “gourmet”, che ho servito per una cena abbastanza importante.

Ed ecco la pappa al pomodoro, io qui metto la mia, quella di mia mamma, quella di mia nonna e quella della mia bisnonna. Fatta semplice semplice, come potevano farla solo dei contadini toscani.

Steps

1
Fatto
1 h e 10'

facciamo la pappa al pomodoro

Prendiamo una pentola, e mettiamo dentro a freddo tutti gli ingredienti escluso il formaggio e il basilico, che andranno aggiunti solo alla fine.

Quindi spezzettiamo il pane in maniera grossolana, io in genere il pane duro lo spezzo col coltellino per parmigiano, tagliamo i pomodori a cubetti grossi, basta tagliarli in due, tagliamo grossolanamente anche l'aglio, spezzettiamo con le mani l'alloro, la salvia e il rosmarino.

Questa cosa prenderà all'incirca 5 o 10 minuti, perché il tutto andrà tuffato in pentola in maniera molto grossolana, ci penserà la cottura a uniformare il tutto.

Piccola precisazione: si può fare anche con una scatola di pomodori, ovviamente sarà meno saporita. Meglio usare i pelati che non la passata se vogliamo un aspetto più rustico.

Bagniamo in maniera generosa con l'olio, aggiungiamo il pepe e saliamo giusto un poco, aggiungeremo alla fine l'eventuale sale che manca. Quindi via il tutto sul fuoco.

Accendiamo il gas, e all'inizio stiamo attenti a girare per evitare che si attacchi. Vedremo che i pomodori faranno l'acqua dopo pochi minuti.

Ancora qualche girata a fuoco vivo, poi quando i pomodori avranno già dato tutto il loro liquido aggiungiamo tanta acqua quanta ne manca per arrivare giusto a coprire tutto il pane. Solo a filo, non dobbiamo esagerare.

Manteniamo la fiamma alta, perché dobbiamo arrivare a bollore. Appena vediamo che il liquido inizia a sobbollire, abbassiamo la fiamma e copriamo col coperchio. Dovrà cuocere lentamente almeno un'ora.

Io l'ho messo in una pentola col fondo in ceramica, quindi non attacca, è stato sufficiente ogni tanto scoperchiarla e dare una veloce girata col mestolo di legno. E' stato pazzesco sentire, ogni volta che toglievo il coperchio, il profumo che sapeva di anni ormai passati da tanto.

Per non so quale motivo, la cottura prolungata porta il pane a disfarsi ma a rimanere sempre molto "al dente". Non so come spiegarlo, non si liquefa, rimane sempre molto denso.

Sembra quasi scivolare nella gola come velluto. Ovviamente dobbiamo stare attenti a dosare bene l'acqua. Confesso che fremevo, non vedevo l'ora di mangiarla.

L'ultima volta che l'ho mangiata sarà stato qualcosa come una ventina di anni fa più o meno, poi senza nessun motivo non l'ho più cucinata.

Dopo circa un'ora, un'ora e un quarto, regoliamoci assaggiando, ho scoperchiato e.... mi veniva quasi da piangere! Il mio cibo di quando ero piccola, di quando ero coccolata dai genitori e dai nonni, i ricordi che continuavano a tornarmi in mente... non è stata una cena, è stato un viaggio nel passato sul treno della malinconia!

Una veloce rimestata e ho spento il fuoco. Ho assaggiato per vedere come andava di sale, ho aggiunto alcune foglie di basilico spezzettate a mano e ho mescolato.

In questo modo il basilico ha rilasciato tutti i loro profumi. Ho poi messo una porzione nel piatto, o per meglio dire nelle ciotoline di coccio. Questo cibo va mangiato nelle ciotole, di coccio o di legno.

Travasata nelle ciotole, ho aggiunto ancora una foglia di basilico spezzettato a mano, perché si sposa bene da morire il suo profumo con questa zuppa di pane, e ho messo un filo (grande!) di olio.

Una generosa grattata di parmigiano o pecorino, a proprio gusto, e dopo l'ho praticamente mangiata a occhi chiusi, beandomi a ogni cucchiaiata e con un groppo in gola, ripensando con tanto amore a chi me la cucinava che purtroppo adesso non c'è più.

Recensioni Ricette

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
tramezzini-veneziani
precedente
Tramezzini veneziani, venetian sandwich
paella-de-marisco-perfetta
successivo
Paella de marisco: dalla Spagna con amore
tramezzini-veneziani
precedente
Tramezzini veneziani, venetian sandwich
paella-de-marisco-perfetta
successivo
Paella de marisco: dalla Spagna con amore

Aggiungi il tuo commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: