• Home
  • Dessert
  • Torta Bastiglia: un dolce che non è un dolce ma è un dolce

Torta Bastiglia: un dolce che non è un dolce ma è un dolce

0 0
Torta Bastiglia: un dolce che non è un dolce ma è un dolce

Condividi sul tuo social network:

Oppure si puoi semplicemente copiare e condividere questo URL

Ingredienti

Calcola le porzioni:
300 g di camembert di bufala
2 confezioni di more
2 confezioni di lamponi
succo d'acero
sale maldon
abbinamento vino
Salice Salentino Rosato DOC
Prosecco di Valdobbiadene DOC
Côtes de Provence Rosè

Salva questa ricetta nei Preferiti

devi accedere o registrartiper aggiungere / aggiungere ai preferiti questo contenuto.

Cucina:

Il Marchese Onofrio del Grillo duca di Bracciano (Alberto Sordi) a Olympia (Caroline Berg): "Se tu parli male del papa, io rido... se io parlo male de Napoleone tu ti incazzi... et voilà la diffèrence!!!" dal film Il marchese del Grillo, 1981

  • Porzioni 4
  • Facile

Ingredienti

  • abbinamento vino

Istruzioni

Condividi

Titolo criptico? Assolutamente no! Ma siccome l’antefatto è ridicolissimo, devo per forza raccontarlo. Io adoro i casual game, quei giochini strategici o di oggetti nascosti o gestionali che si comprano online e si scaricano subito. Qualche giorno fa stavo appunto facendo un giochino del genere. Uno della serie “delicious”, e a un certo punto la protagonista del gioco serviva una “tarte bastille”.

Sul cibo io sono sempre curiosa! Proseguendo nel gioco vedo che si tratta di frutti di bosco e brie o camembert disposti in modo da replicare la bandiera francese. A questo punto urgeva andare in giro a fare ricerche per tutto il web. Cosa che non sapevo, in Francia è molto sentito il “Bastille day”, cioè la festa istituzionale francese che si svolge il 14 luglio sin dal lontano 1880. Oltre alla famosa presa della Bastiglia, è stata istituita per commemorare la festa della federazione del 1790. E’ un giorno assolutamente non lavorativo al quale i francesi tengono molto.

Proseguo le mie ricerche, e trovo che sono frequentissime le crostate fatte con un lato di mirtilli, il centro zucchero al velo e l’altro lato di lamponi, in modo da riprodurre i colori della bandiera francese, blu bianco e rosso. Ma oltre che le crostate si possono fare anche con… frutta e formaggio! Frutti di bosco e Fromage d’Affinois, o Reblochon, o Brie e Camembert.

Mi sono detta che un formaggio morbido e saporito come questi stesse benissimo coi frutti di bosco, che avrebbero dato un pizzico di acidità. E siccome dopo qualche giorno avrei avuto una cena, e non avrei fatto a tempo a preparare il dessert, mi sono detta… ma memore del mio piatto di dulce de leche al sale maldon, che ha avuto un successo assolutamente incredibile, se irroro il piatto con del succo d’acero e lo cospargo appunto con del sale maldon?

Print Friendly, PDF & Email

Steps

1
Fatto
10'

prepariamo e serviamo

Devo spendere due parole per il camembert di bufala, che ho scoperto da poco e che vendono in piccole forme tonde da 300 grammi. Ha una morbidezza estrema, ed un sapore molto saporito e deciso. A dispetto dei più blasonati formaggi francesi, assieme ai frutti di bosco chiude il cerchio perfettamente. Mi vergogno quasi a mettere questo piatto sul mio blog, dove faccio sempre ricette strutturate e anche lunghe alle volte, perché l'unica cosa che dovremo fare è porzionarlo, e sistemarlo su un piatto.

Faremo questo almeno un'ora prima di andare a tavola, in modo che a temperatura ambiente diventi quasi liquido e si ammorbidisca ulteriormente. Quando lo serviamo lo irroreremo con del succo d'acero come se non ci fosse un domani, e spruzzeremo del sale maldon qui e là. Il sapido, il morbido, il croccante, l'acido, il dolce... mettere in bocca una cucchiaiata di formaggio assieme ai frutti di bosco, il succo d'acero e il sale è davvero un'esperienza mistica!

Senza contare che risolve il problema del dessert! Per quanto riguarda il sale Maldon non si può sostituire col nostrano sale grosso. E' completamente diverso. L'unica sostituzione accettata è il fleur de sel francese, chiamato anche "il caviale del sale".

Le differenza fra questi tipi di sale? Intanto hanno in comune di essere molto delicati e non eccessivamente salati come il nostrano sale grosso, che in questo piatto soverchierebbe tutto salando eccessivamente, facendo quasi pizzicare la lingua. Salano meno non perché la quantità di cloruro di sodio sia diversa, perché è sempre la stessa per tutti i sali, ma perché essendo in fiocchi come il fleur de sel o a forma di piramide cava come il sale Maldon, la percentuale di sale è minore pur sentendo quel piacevole scrocchio sotto i denti.

Questi sali si trovano tranquillamente online e a prezzi non abbordabili, di più! Nella mia cucina non mancano mai, perché non c'è niente come il sale a dare quello "zing" e quella spinta particolare alle vivande.

I miei ospiti si sono ricordati di questo dessert per tutte le due settimane successive, continuando a ringraziarmi e a farmi i complimenti, oltre che a chiedermi la ricetta perché volevano rifarlo anche loro. Incredibile come una cosa così piccina scateni tanto apprezzamento.

Recensioni Ricette

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
rotolini-di-pane-carasau-e-carpaccio
precedente
Rotolini di pane carasau al carpaccio e tartufo
sformati di polenta ripiena con fonduta di blu di capra
successivo
Mini sformati di polenta ripiena con fonduta di blu di capra
rotolini-di-pane-carasau-e-carpaccio
precedente
Rotolini di pane carasau al carpaccio e tartufo
sformati di polenta ripiena con fonduta di blu di capra
successivo
Mini sformati di polenta ripiena con fonduta di blu di capra

Aggiungi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: